Cultura Portici

Portici, dal ‘68 ad oggi: 50 anni di lotte e conquiste delle donne in una mostra sul femminismo in Campania

Share on WhatsApp Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Clicca e guarda il Video

Portici. Si è tenuta ieri l’inaugurazione della mostra “Fotografia di una storia 1968- 2018. Femminismo e movimenti delle donne a Napoli e in Campania”, a cura di Luisa Festa. La mostra è aperta al pubblico gratuitamente, in villa Fernandes, a via Diaz, fino al 12 novembre e racconta, immagine dopo immagine, 50 anni di storia, 50 anni di lotte portate avanti per la conquista dei diritti delle donne.

All’inaugurazione hanno partecipato tutti i rappresentanti delle realtà che si sono attivate per promuovere e organizzare la mostra: per la Regione Campania, Natalia Sanna, presidente della commissione Pari Opportunità e Loredana Raia, consigliere, per il Comune di Portici, Grazia Buccelli, assessore alle Pari Opportunità, e Maria Rosaria Cirillo, assessore alla Pubblica Istruzione; Teresa Di Gennaro, dirigente del Liceo scientifico Filippo Silvestri e Annamaria Visconti, insegnante e rappresentante dell’UDI, Unione donne Italia. Clicca e guarda il Video

«E’ importante oggi riprendere la memoria», spiega Luisa Festa, «questa mostra racconta 50 anni di lotta delle donne e anche di conquiste. Sono esposte foto dal 1968 ad oggi, divise in cicli basati sui decenni. E’ un racconto che ci spiega, per esempio, la forza e l’entusiasmo che le donne hanno posto nella relazione dei piccoli gruppi. Un racconto che ci spiega anche la teoria della differenza sessuale. Le foto sono scattate da me, ma non solo, con questa mostra ricordiamo anche il valore degli archivi: ho ripreso scatti dall’archivio delle Nemesiache, dell’associazione Madrigale, dall’archivio della Cgil». Clicca e guarda il Video

«La mostra racconta la storia di quelle donne che hanno lottato per la conquista dei diritti civili», dice Grazia Buccelli, «e ci parla anche di quanto ancora si deve fare. Anche il Liceo Scientifico Silvestri è stato coinvolto e l’UDI sezione di Portici, che gestisce, con l’associazione Salute Donne, il Centro antiviolenza del Comune. Da oggi fino al 12 novembre, dalle 16 alle 20, i cittadini potranno visitare la mostra». Clicca e guarda il Video

«Ai ragazzi vanno insegnati i valori, il rispetto della libertà degli altri, della libertà di potersi esprimere rispettando gli altri», sottolinea Teresa Di Gennaro. «L’unico obiettivo che la scuola deve seguire è insegnare la tolleranza. I ragazzi colgono gli stimoli sempre con entusiasmo, gli allievi del Silvestri hanno collaborato, occupandosi dell’allestimento delle sale, con amore: è questo quello che conta». Clicca e guarda il Video

«Questa», racconta Natalia Sanna, «è una testimonianza delle lotte fatte per i diritti delle donne, diritti non acquisisti, ma che devono essere riconfermati giorno dopo giorno. I giovani devono essere istradati, a loro va spiegato quello che queste foto rappresentano». Clicca e guarda il Video

Commenta l'articolo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.