Associa Azioni

Abeta Onlus, un rifugio per i pelosetti in attesa di una famiglia. Portici città amica degli animali, l’invito del sindaco ad adottare

Share on WhatsApp Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Clicca e guarda il Video

Per il nostro programma Associa Azioni abbiamo incontrato l’Associazione Benessere e Tutela Animali ossia Abeta Onlus, che in via San Gennariello, in una spazio del Comune di Portici, si prende cura di tanti amici a quattro zampe e porta avanti iniziative per il loro benessere e per permettere a ogni amico animale di trovare qualcuno a cui dare amore e da cui averne. (GUARDA IL VIDEO!)

«Abeta si occupa dei randagi e delle colonie feline e cerca di aumentare l’indice di adottabilità di questi animaletti, al fine di trovargli una famiglia», spiega Filomena Marinaro, presidente Abeta Onlus. «Ci sosteniamo con un contratto col Comune di Portici e con donazioni private, intese come donazioni economiche ma anche crocchette, cucce, giochi…».

Per questi animali Abeta cerca famiglie, ma non solo. «Gli animali arrivano da noi sia perché direttamente prelevati dal territorio a nostra cura o a cura del servizio di accalappiamento del Comune. Possono anche esserci segnalati da cittadini o volontari. Noi cerchiamo famiglie che abbiano un’adozione consapevole, ma contiamo anche sui comitati di quartieri che accettano all’interno dei piccoli parchi o dei quartieri qualche randagio. Lì l’animaletto ha la sua casa e viene ben accudito dal comitato». (GUARDA IL VIDEO!)

Diverse le attività che l’associazione porta avanti per far conoscere il rifugio e accrescere nella comunità l’amore e il rispetto per gli animali. «Noi siamo presenti al Mercatino del Biologico sul viale Leonardo da Vinci e poi ci muoviamo sul territorio non solo porticese, sia per far conoscere tematiche vicine al mondo animale sia per incentivare l’adozione», racconta la presidente. (GUARDA IL VIDEO!)

Nel rifugio abbiamo incontrato dei cuccioli, ma la maggior parte degli animali è adulta. «Adottare un cane adulto significa avere già un’idea dell’indole del cane, delle sue esperienze», commenta Filomena Marinaro. «Molte famiglie sono orientate sul cucciolo, ma il cane adulto offre delle agevolazioni, anche perché sono cani socializzati, competenti degli umani, dei bambini, sanno, per esempio, già fare i bisogni nel modo giusto».

In attesa di trovare casa, gli amici pelosetti come passano la giornata? «Durante la permanenza nel rifugetto i cani vivono in un gruppo eterogeneo e socializzano, qui vengono persone che vogliono conoscerli o aiutarci ad accudirli», spiega la presidente. «Abbiamo adottanti anche fuori regione che continuano a mandarci foto e notizie dei nostri piccoli cani nel tempo. E a noi fa un enorme piacere».

Un testimonial speciale ha voluto parlarci di Abeta Onlus e dei suoi dolcissimi ospiti e di quanto arricchisca la vita adottare un amico pelosetto: il sindaco. «Siamo una delle città meglio organizzate per il benessere degli animali, vogliamo fare di più, a breve realizzeremo due dog area», spiega Enzo Cuomo. «A via San Gennariello vogliamo creare un vero e proprio canile dinamico, una struttura transito, anche con possibilità di alcune cure veterinarie». (GUARDA IL VIDEO!)

E il primo cittadino illustra una delle iniziative di Abeta Onlus per favorire l’adozione dei cagnolini e consiglia di allargare la famiglia e di adottare un cane. «Per ogni amico cane», spiega il sindaco, «l’Associazione Abeta ha preparato una carta d’identità che sintetizza la sua storia e anche un biscottino che l’amico a quattro zampe offre a chi desidera adottarlo. Per ogni famiglia un cane è un dono: tutti coloro che non hanno mai avuto un animale, quando scoprono la bellezza di condividere un pezzo di vita con un animale, essere capace più degli umani di dare gratitudine, fedeltà, rispetto e amicizia, si innamorano perdutamente. Questo sviluppa una cultura animalista che fa crescere le nostre comunità».

Il sindaco ha già il suo Dido, ma chi non ha ancora la gioia di un amico cane e sente consapevolmente la voglia di allargare la sua famiglia può contattare, tramite la pagina facebook, Abeta Onlus e recarsi nel rifugio: sarà amore a prima vista! (GUARDA IL VIDEO!)

Commenta l'articolo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.