Cultura Portici

Musica da camera, un omaggio a Raffaele Viviani e un momento di riflessione sul tema del razzismo: al MozArt Box stasera e domani

Share on WhatsApp Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Portici. Continua la kermesse artistica MozArt Box a Portici. In queste serate i cittadini hanno mostrato di apprezzare gli eventi che, sera dopo sera, tra il Granatello e diversi ambienti della Reggia, si stanno tenendo. Stasera uno spettacolo del tutto gratuito a sostegno degli artisti emergenti. Nella Sala Cinese del Palazzo Reale si esibirà la pianista porticese Noemi Faggio e la voce soprano di Valentina Vitolo.

Domani sera, invece, in scena, nell’area della Pallacorda della Reggia, “Sottovoce”, omaggio a Raffaele Viviani. Attore, commediografo, poeta: artista completo Viviani, che ha saputo lasciare, tra fine ottocento e inizio novecento, un’impronta forte e caratterizzante nella cultura napoletana.

Prima dell’Omaggio, interpretato da Marina Bruno, Elisabetta D’Acunzo ed Ernesto Lama, ci sarà un momento di riflessione sul tema dell’immigrazione e del razzismo durante l’Opening della serata:  l’apertura è affidata al giovane talento Alan De Luca con “La musica di Alan”, che prevede anche l’esecuzione di 2 arrangiamenti strumentali e un pezzo inedito di GUS.

24 settembre – ore 21.00 – Sala Cinese nella Reggia di Portici

Valentina Vitolo, soprano

Noemi Faggio, pianista

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Musiche di Haydn, Kuhlau, Donizetti, Chopin, Liszt, Satie

Nata a Portici e cresciuta musicalmente nel contesto napoletano, Noemi Faggio rappresenta una delle espressioni pianistiche più interessante del territorio al quale MozArt Box rivolge, da sempre, attenzione specifica, offrendo agli artisti emergenti una vetrina importante. In questo concerto, il suo pianoforte si propone sia in recital sia in funzione cameristica, accanto alla voce espressiva di Valentina Vitolo

25 settembre – ore 21.00 – Area della Pallacorda nella Reggia di Portici

“Sottovoce”. Omaggio a Raffaele Viviani

Con Marina Bruno, Elisabetta D’Acunzo, Ernesto Lama

Giuseppe di Capua (pianoforte), Emiliano Berti (contrabbasso),Pasquale Benincasa (percussioni), Gianfranco Campagnoli (strumenti a fiato)

Regia di Ernesto Lama

Posto unico: 5 euro

Opening La Musica di Alan

Lo spettacolo è un omaggio a Viviani, un viaggio nella sensibilità di uno dei più straordinari uomini di teatro della tradizione partenopea, di cui si farà interprete e regista Ernesto Lama, artista porticese capace di veicolare i codici della tradizione con straordinario senso della modernità. Quello immaginato da Lama è un Viviani europeo, dove la tradizione si dimostra, attraverso una sperimentazione rispettosa ma innovativa nella sostanza. La poesia e la musica di Viviani raccontano – secondo Lama –  “la vera natura della terra e degli uomini, le gioie, i dolori, i colori dell’anima, dai più tenui ai più accesi; raccontano la strada come mai nessuno ha fatto”.

 

 

Commenta l'articolo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.