Portici Sport

Il Portici si ferma in trasferta, brutto tonfo in casa del Locri

Share on WhatsApp Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Portici. Arriva nel peggiore dei modi l’esordio nel primo match fuori casa del Portici 1906, gli uomini di Mr. Chianese, infatti, sono stati battuti col pesante punteggio di 4-1 dai calabresi del Locri. Due squadre che si presentavano allo stadio “Ninetto Muscolo” di Roccella Jonica (Campo neutro) appaiate in classifica con 1 punto a testa, dopo i rispettivi pareggi della prima giornata. Occorre, però, dire che il risultato per la compagine azzurra non deve trarre in inganno, considerato che la squadra della città della Reggia è stata protagonista di un ottimo primo tempo e che ha avuto l’occasione per ammazzare la gara subito dopo essersi portata in vantaggio con Sorrentino, ipnotizzato in occasione di un rigore dal portiere calabrese Pellegrino.

Parte bene il Portici che oltre a controllare agevolmente le prime fasi dell’incontro, si rende anche pericoloso al 7′ minuto quando Sorrentino, ben imbeccato da Carrafiello prova una rovesciata al volo che termina di poco a lato. Trascorrono soltanto 3 minuti e gli azzurri si portano in vantaggio: è di nuovo Carrafiello ad involarsi sulla destra, il calciatore rientra e viene steso al limite dell’area. Alla battuta della punizione ci va Sorrentino che con un destro a giro dietro la barriera batte l’estremo difensore avversario e porta in vantaggio i suoi. Passa un solo minuto e per il Locri sembra finita, ancora una volta Carrafiello si presenta da solo in area dove viene atterrato, l’arbitro non ha dubbi e concede il penalty. Dal dischetto però Sorrentino si fa parare la massima punizione, sbagliando anche la successiva ribattuta a rete.

I padroni di casa cominciano a respirare e si risistemano, ma al 17′ è ancora il Portici ad essere pericoloso con Marzano, che ci prova con un destro dalla distanza che trova la pronta risposta di Pellegrino. Il gioco ristagna centrocampo e la chiave per la vittoria dei padroni di casa sta proprio nella superiorità in quel reparto del campo. Poco dopo la mezz’ora di gioco il Locri pareggia con Caruso che di testa piazza in rete un cross dalla destra di Pannitteri, lasciando terminare in parità la prima frazione di gioco.

Nella ripresa comincia subito la giostra dei cambi per Mr. Chianese che ne sostituisce subito 3: fuori D’Angelo, Marzano e Sorrentino per gli ingressi di Nappo, Felleca e Coratella che rivoluzionano l’assetto di gioco azzurro. I primi 20 minuti della ripresa trascorrono senza troppe emozioni, poi il Locri si porta in vantaggio e dilaga. E’ Cretella a commettere un fallo in area, l’arbitro anche stavolta assegna il penalty che Pirrone trasforma per il vantaggio dei padroni di casa. Per gli azzurri dentro anche La Torre e Onda ma la scossa positiva non arriva.  Al 29′ ultimo squillo della partita del Portici con Sall che ci prova con un tiro dalla distanza deviato in angolo, sul conseguente corner capitan Cardinale fallisce l’appuntamento col goal. Passano due minuti e il Locri triplica con un eurogoal di Mazzone che centra il bersaglio da oltre 30 metri di distanza. Chiude i conti Caruso al 45′ con un piatto destro sotto misura che batte la quarta volta in giornata il portiere porticese Marone.

Portici dunque che subisce una sonora batosta in terra calabra, una squadra che non ha concretizzato quanto di buono ha fatto e che alla lunga ha pagato questo aspetto. C’è tanto da lavorare per Chianese e la sua banda, che proveranno a rifarsi già dal prossimo impegno casalingo col Gela, in programma Domenica 30/09 allo stradio “San Ciro” di Portici.

Commenta l'articolo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.