Cultura Portici

Parte il MozArt Box 2018: stasera al Granatello si suona Jazz con Carmine Ioanna, Gianluca Brugnano e con Roy Paci

Share on WhatsApp Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Portici. Mancano poche ore alla partenza del Festival “MozArt Box”, al suo quattordicesimo anno di vita. Tutto pronto per la rassegna organizzata dal Comune di Portici, su impulso del sindaco, Enzo Cuomo, e del vicesindaco e assessore alla Cultura, Fernando Farroni.

La kermesse, curata nella direzione artistica da Stefano Valanzuolo, proporrà, da stasera 19 al 28 settembre, concerti e spettacoli teatrali, intrecci di prosa e musica su palcoscenici eccellenti: la Reggia di Portici e il Porto Borbonico del Granatello.

In calendario anche spettacoli che arrivano in Campania per la prima volta: “Il rigore che non c’era” con Federico Buffa (Reggia di Portici, 23 settembre, ore 21.00) e Rocco Papaleo live (Reggia di Portici, 27 settembre, ore 21.00). Opening affidata al trombettista Roy Paci, in formazione inedita con Carmine Ioanna (fisarmonica) e Gianluca Brugnano (batteria) (Porto borbonico del Granatello, stasera, ore 21.15). Il 22 settembre, alle 21.00, in programma, alla Reggia di Portici, il concerto di Peppe Barra, cui verrà consegnato il Premio Mozart Box per l’edizione 2018. A seguire, Valentina Vitolo (soprano) e Noemi Faggio (pianoforte) in concerto (Reggia di Portici, 24 settembre, ore 21.00); “Sottovoce. Omaggio a Raffaele Viviani” con Marina Bruno, Elisabetta D’Acunzo, Ernesto Lama e i musicisti Giuseppe di Capua (pianoforte), Emiliano Berti(contrabbasso). Pasquale Benincasa (percussioni), Gianfranco Campagnoli (strumenti a fiato)(Reggia di Portici, 25 settembre, ore 21.00).

Settembre si chiude con James Senese & Napoli Centrale in “Aspettanno ’o tiempo” (Reggia di Portici, 28 settembre, ore 21.00).

E il Mozart Box 2018, che è un’iniziativa cofinanziata dal POC Campania 2014 – 2020 Rigenerazione urbana, politiche per il turismo e la cultura – Eventi Nazionali e Internazionali, torna a dicembre, alla Reggia di Portici e al Museo di Pietrarsa, con i Pueri Cantores della Malibran, Enzo Salomone, Claudia Gerini & Solis String Quartet.

«La scelta degli spazi diventa fondamentale nell’ideazione di MozArt Box», racconta Stefano Valanzuolo, «poiché la rassegna nasce con l’intento di dare visibilità alle bellezze notevoli, eppure non sempre svelate a tutti, di Portici – dalla Reggia all’Orto Botanico, fino al Porto del Granatello e al Museo di Pietrarsa -, creando un’ovvia efficace sinergia tra contenitore e contenuti. Anche per questo, alla striscia iniziale di eventi, concentrati a settembre in spazi all’aperto, seguirà un’appendice invernale, a dicembre, che prenderà forma tra gli affreschi della Sala Cinese del Palazzo Reale e il fascino d’archeologia industriale evocato dalle locomotive di Pietrarsa».

Ecco il programma di stasera:

19 settembre – ore 21.15 – Opening Jazz Party – Porto borbonico del Granatello, Centro Ricerche Tartarughe marine.

Carmine Ioanna, fisarmonica, Gianluca Brugnano, batteria, Special guest Roy Paci, tromba

Posto unico: 5 euro. Carmine Ioanna, già definito “viandante della fisarmonica”, ha nel sangue il bisogno di sperimentare e contaminare le sonorità popolari con il jazz, la musica contemporanea e la world music. Ama percorrere strade insolite con talentuosi compagni d’avventura, come Gianluca Brugnano. I due hanno già dato vita a una magnifica colonna sonora teatrale e a un disco di respiro europeo. A loro si unisce, per la prima volta dal vivo, Roy Paci, celebre trombettista, compositore e arrangiatore siciliano con molte collaborazioni internazionali. Un trio sfavillante e inedito per una location nuova e mozzafiato.

Commenta l'articolo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.