Cronaca Ercolano

Botte e minacce alla mamma per avere soldi. Arrestato ercolanese di 26 anni. Da due anni tormentava la donna.

Share on WhatsApp Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Ercolano. Botte, lancio di oggetti e minacce alla mamma per soddisfare le spese personali. I Carabinieri arrestano 26enne
Un giovane di Ercolano, già noto alle Forze dell’Ordine, è stato tratto in arresto dai Carabinieri della locale tenenza per tentata estorsione, maltrattamenti in famiglia e lesioni personali.
Da due anni esigeva soldi dalla madre per le sue esigenze più disparate, senza tenere conto della effettiva disponibilità economica della sua famiglia.
Quando la madre gli negava i soldi per impossibilità o gli faceva presente che era il caso, piuttosto, di trovarsi un lavoro, scattavano le sfuriate: schiaffi, pugni, calci, ma anche lancio di padelle e suppellettili.
L’ultima aggressione è scoppiata perché il ragazzo ha chiesto alla madre 5mila euro. La donna gli ha risposto che non era proprio possibile ed è riuscita per qualche minuto a ricondurlo alla calma, ma dopo poco il figlio è tornato alla carica sventolando in mano l’estratto conto della donna ed esigendo i soldi. La madre ha continuato a ripetere che non era possibile, poiché erano i risparmi della famiglia. A quel punto il 26enne le ha chiesto minacciosamente di fargli da garante in banca per un prestito.
All’ennesimo rifiuto il 26enne ha bloccato la madre per le braccia e poi le ha stretto le mani al collo arrivando quasi a soffocarla. Provvidenziale il fratello dell’arrestato che stava rincasando proprio in quei momenti. il ragazzo ha separato il fratello dalla madre ed ha chiamato il 112.
Sul posto i Carabinieri di Ercolano e della Compagnia di Torre del Greco che, saliti di corsa nell’appartamento, hanno bloccato il ragazzo.
La madre, terrorizzata, era con le spalle al muro in un angolo del vano cucina. Il 26enne è stato tratto in arresto e ora è in carcere.

Commenta l'articolo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.