Cronaca Portici

Bomba carta contro un negozio di parrucchiere in piazza San Ciro a Portici. Danni anche ad abitazioni e automobili

Share on WhatsApp Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Portici. Bomba carta lasciata a terra a un negozio di parrucchiere di piazza San Ciro stanotte. Esplosa la saracinesca e la vetrina interna. Danni anche per gli edifici della zona e le auto parcheggiate in prossimità. La polizia indaga su più fronti.

Dunque, seconda notte nera per i commercianti di Portici: dopo il negozio di telefonia di via Libertà, questa volta a essere preso di mira è stato un negozio di parrucchiere in piazza San Ciro. Ma i due episodi sono nettamente diversi. Non si è trattato di un furto stavolta: niente è stato preso dal salone per capelli aperto da non molto tempo. E questo, per assurdo, spaventa ancora di più.

Nel cuore della notte, verso le 2.30, un grosso fragore ha svegliato i residenti della zona e non solo, il boato ha raggiunto anche la parte più alta della città. Chi si è affacciato ha visto chiaramente i segni di un’esplosione e quello che restava della saracinesca e della vetrina del negozio per capelli in piazza, a pochi metri dal Santuario.

Allertati, subito sono arrivati gli uomini del Commissariato di Portici – Ercolano, guidati dalla dirigente Amalia Sorrentino, sul posto anche la Scientifica e i Vigili del Fuoco. A subire danni, infatti, anche alcune finestre di abitazioni nelle vicinanze e due auto parcheggiate nei pressi del negozio. I Vigili del fuoco hanno effettuato rilievi per verificare la messa in sicurezza dello stabile dove è sito l’esercizio e le case danneggiate. Nessun danno strutturale.

Le forze di polizia stanno ascoltando in queste ore i proprietari e vari testimoni e verificando le immagini dei sistemi di videosorveglianza della zona.

Potrebbe essersi trattato di un atto vandalico, ma sono diverse le ipotesi al vaglio degli inquirenti. Certo, difficile credere che dietro ci fosse un tentativo di furto: un ordigno esplosivo è il modo meno silenzioso per introdursi di soppiatto in un locale. Ci potrebbe essere una vendetta, una minaccia, la mano di qualche clan dietro un gesto simile.

Le forze di polizia non escludono alcuna pista. Intanto il negozio stamani ha riaperto ai suoi clienti.

Commenta l'articolo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.