Portici Sport

Doppio Sorrentino, il Portici stende la Sarnese e passa il turno in Coppa Italia

Share on WhatsApp Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Portici. Fa festa il Portici, fa festa mister Mauro Chianese. Gli azzurri aprono con una vittoria il nuovo ciclo, facendo esultare il nuovo allenatore, al debutto sulla panchina azzurra. Non basta ai padroni di casa della Sarnese il fattore campo e la buona volontà, la compagine granata si è trovata di fronte un super Sorrentino, autore di una doppietta, che ha permesso ai vesuviani di passare il turno con un secco 0-2, confermando i pronostici della vigilia. (GUARDA IL SERVIZIO CON GLI HIGHLIGHTS DELLA PARTITA)

Chianese sceglie un Portici “di sua conoscenza”, visto che diversi elementi degli undici della formazione sono stati allenati da lui in passato in altre squadre (Sorrentino e Sall alcune delle eccezioni). Marone in porta e difesa a 4 con Cardinale e il senegalese Sall al centro, coadiuvati sugli esterni da Salimbé e Cretella, chiavi del centrocampo affidate a La torre, supportato da Marzano e Vaccaro al servizio dei 3 davanti, che sono Coratella, Onda e Sorrentino. (GUARDA IL SERVIZIO CON GLI HIGHLIGHTS DELLA PARTITA)

In avvio, la partita fatica a decollare, gioco molto farraginoso e continue sono le interruzioni della fluidità del gioco. Carbura piano piano e migliora di minuto in minuto la qualità della partita e l’intensità degli azzurri, che mostrano una buona solidità difensiva respingendo gli sterili attacchi dei padroni di casa e più avanti creano l’unica azione degna di nota di tutto il primo tempo con Onda che, ben servito da Marzano, arriva in area cercando un traversone basso a poca distanza dalla porta quando avrebbe potuto anche tirare. (GUARDA IL SERVIZIO CON GLI HIGHLIGHTS DELLA PARTITA)

La ripresa si apre con Chianese che inserisce forze fresche al rientro in campo, fuori Onda e La Torre, dentro Felleca e Carrafiello. I cambi funzionano, la freschezza comincia a scorrere tra le fila azzurre e il loro impatto sulla partita è devastante. Al 49′ l’episodio che cambia la partita, Marzano entra in area e viene steso: l’arbitro non ha dubbi e concede un calcio di rigore. Dal dischetto è freddissimo Sorrentino, che col destro calcia e spiazza l’estremo difensore sarnese Mennella. I padroni di casa, senza alcuni uomini importanti, accusano il colpo e dopo 10 minuti subiscono il goal del raddoppio: strappo impressionante del neo entrato Carrafiello che, con uno scatto velocissimo, supera gli avversari servendo in area Sorrentino che, ancora una volta, non sbaglia, siglando la seconda rete con la sua nuova maglia. (GUARDA IL SERVIZIO CON GLI HIGHLIGHTS DELLA PARTITA)

Gli ospiti, però, abbassano un po’ la guardia e gli avversari dimostrano di essere vivi e che non ci stanno a perdere, clamorosa è l’occasione capitata sulla testa di Selliti che, a tu per tu con la porta, non riesce a trovare la via del goal schiacciando troppo un colpo di testa. “Goal mancato goal subito” forse il più famoso detto nel mondo del calcio, che non sempre, però, si verifica, e infatti, sul capovolgimento dell’occasione della sarnese, è Carrafiello a sfiorare la gioia personale tramite una bordata da 30 metri che sfiora la porta colpendo il paletto di sostegno della stessa. (GUARDA IL SERVIZIO CON GLI HIGHLIGHTS DELLA PARTITA)

Così, dopo i vari tentativi, è ora di far rifiatare qualcuno: fuori Salimbé per Massa e Coratella per D’angelo, sfortunato Carrafiello, che è costretto a lasciare il campo dopo soli 30 minuti in seguito a dei crampi. Dall’altra parte, Cusano prova a fare le sue mosse ma nel finale non capita nessuna occasione degna di nota da entrambe le parti, col Portici che si limita a gestire intelligentemente il risultato. Si mangia le mani la Sarnese, a fare festa sono Chianese ed il suo Portici, che affronteranno il Gragnano nel turno successivo e che in settimana verranno a conoscenza dei gironi e dei calendari. (GUARDA IL SERVIZIO CON GLI HIGHLIGHTS DELLA PARTITA)

Commenta l'articolo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.